CARATTERIZZAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL BIONDO TARDIVO DI TREBISACCE GRAZIE AD UN ACCORDO TRA LA CITTA’ DI TREBISACCE E IL MONDO DELLA RICERCA.

Domani, venerdi 8 febbrario, sarà una giornata particolarmente importante per il Biondo Tardivo di Trebisacce, l’arancia autoctona tipica del territorio e dotata di straordinarie caratteristiche organolettiche.

Grazie al lavoro posto in essere dalla delegata all’Agricoltura Antonella Acinapura, sarà siglata un’importante convenzione tra il Comune di Trebisacce, l’Università di Bari, col Centro di Ricerca, Sperimentazione e Formazione in Agricoltura “Basile Caramia” e L’ARSAC (Azienda Regionale per lo Sviluppo dell’Agricoltura Calabrese).

La convezione si pone come obbiettivi inerenti al Biondo Tardivo:

• Selezione genetico-sanitaria;
• Caratterizzazione morfo-fisiologica e molecolare;
• Valutazione dello stato sanitario e, eventuale, risanamento;
• Realizzazione di un campo di confronto varietale;
• Elaborazione delle schede varietali e del dossier per la richiesta di iscrizione al Registro Nazionale delle Varietà delle piante da frutto.

Questi importanti passaggi rappresentano tappe fondamentali per qualsiasi progetto legato alla crescita e alla valorizzazione del Biondo Tardivo.

All’incontro finalizzato alla firma della convezione parteciperanno, insieme al sindaco Franco Mundo e alla delegata Antonietta Acinapura, il Prof. Vito Savino, Dipartimento Scienze del Suolo della Pianta e Degli Alimenti dell’Università di Bari, il Dott. Pasquale Venerito, il Dott. Vincenzo Roseti CRSFA (Centro di Ricerca, Sperimentazione e Formazione in Agricoltura “Basile Caramia), l’Ing. Stefano Aiello Commissario Arsac, il Dott. Bruno Maiolo Dirigente Arsac, il Dott. Fabio Petrillo Responsabile attivitaà ARSAC.


CARATTERIZZAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL BIONDO TARDIVO DI TREBISACCE GRAZIE AD UN ACCORDO TRA LA CITTA’ DI TREBISACCE E IL MONDO DELLA RICERCA.

Domani, venerdi 8 febbrario, sarà una giornata particolarmente importante per il Biondo Tardivo di Trebisacce, l’arancia autoctona tipica del territorio e dotata di straordinarie caratteristiche organolettiche.

Grazie al lavoro posto in essere dalla delegata all’Agricoltura Antonella Acinapura, sarà siglata un’importante convenzione tra il Comune di Trebisacce, l’Università di Bari, col Centro di Ricerca, Sperimentazione e Formazione in Agricoltura “Basile Caramia” e L’ARSAC (Azienda Regionale per lo Sviluppo dell’Agricoltura Calabrese).

La convezione si pone come obbiettivi inerenti al Biondo Tardivo:

• Selezione genetico-sanitaria;
• Caratterizzazione morfo-fisiologica e molecolare;
• Valutazione dello stato sanitario e, eventuale, risanamento;
• Realizzazione di un campo di confronto varietale;
• Elaborazione delle schede varietali e del dossier per la richiesta di iscrizione al Registro Nazionale delle Varietà delle piante da frutto.

Questi importanti passaggi rappresentano tappe fondamentali per qualsiasi progetto legato alla crescita e alla valorizzazione del Biondo Tardivo.

All’incontro finalizzato alla firma della convezione parteciperanno, insieme al sindaco Franco Mundo e alla delegata Antonietta Acinapura, il Prof. Vito Savino, Dipartimento Scienze del Suolo della Pianta e Degli Alimenti dell’Università di Bari, il Dott. Pasquale Venerito, il Dott. Vincenzo Roseti CRSFA (Centro di Ricerca, Sperimentazione e Formazione in Agricoltura “Basile Caramia), l’Ing. Stefano Aiello Commissario Arsac, il Dott. Bruno Maiolo Dirigente Arsac, il Dott. Fabio Petrillo Responsabile attivitaà ARSAC.

Visite : 25

Ultimo aggiornamento