Funzione di Produzione dei Servizi

    I servizi e le attività dell’intera Azienda vengono erogati e prodotti attraverso i Servizi Complessi di Area dislocati sul territorio regionale e/o nella sede centrale.  I quali sono concepiti per assolvere, in maniera organizzata, le seguenti funzioni:

     

    a)             La Divulgazione Agricola, prevista in forma polivalente e specializzata, rappresenta uno dei cardini principali attorno a cui ruota l’attività istituzionale dell’ARSAC, costituendo la cerniera operativa tra produzione e strategie d’intervento nell’economia agricola. E’ uno strumento indispensabile per l’agricoltura calabrese, la divulgazione ha il compito di diffondere tecniche e metodologie produttive nel settore agricolo, rilevandone gli impatti e le ricadute produttive ed economiche nelle singole aziende e nelle associazioni di produttori agricoli.

    La Divulgazione Agricola si articola mediante 24 presenze territoriali, individuate come centri Ce.D.A. e Sportelli Verdi . Queste strutture hanno l’obbiettivo di assicurare una assistenza capillare e costante per la formazione e l’informazione alle aziende agricole, facendosi recettori delle esigenze e delle criticità del mondo agricolo trasmettendole alla sperimentazione per indirizzare i temi specifici verso le esigenze degli imprenditori agricoli.

    I “Centri Ce.D.A.” sono ubicati presso strutture di proprietà dell’ARSAC , gli “Sportelli Verdi ” sono previsti  presso strutture pubbliche, da allocare a titolo gratuito,    ( condizione necessaria per la costituzione degli Sportelli medesimi)  la dislocazione territoriale  (vedi allegato A) è la seguente:

     

    AREA  1 S.Marco Argentano (CS)

    –     Sportello Ce.D.A. n.2 Castrovillari (CS) (da allocare con comodato gratuito)

    –     Centro Ce.D.A. n.4 S.Marco Argentano loc. Caselle (sede di proprietà)

    –     Sportello Ce.D.A.n.9 Amantea (CS) (allocare con comodato gratuito)

    –     Sportello Ce.D.A. n.24 Santa Maria del Cedro (CS) (allocare con comodato gratuito)

    –     Sportello Ce.D.A. n.1 Paola (CS) (allocare con comodato gratuito)

    –     Centro Ce.D.A. n.7 Cosenza (sede di proprietà)

     

    AREA 2 Acri (CS)

    –     Centro Ce.D.A. n.3 Sibari (CS) (sede di proprietà)

    –     Sportello Ce.D.A. n.5 Corigliano (CS) (allocare con comodato gratuito)

    –     Sportello Ce.D.A. n.6 Rossano (CS) (allocare con comodato gratuito)

    –     Centro Ce.D.A. n.8 Molarotta (Spezzano Sila) (CS) (sede di proprietà)

     

    AREA 3 Val di Neto (KR)

    –         Centro Ce.D.A. n.10 Rocca di Neto (KR) (sede di proprietà)

    –         Centro Ce.D.A. n.11 Cutro (Villa Margherita) (KR) (sede di proprietà)

     

    AREA 4 Catanzaro

    –         Centro Ce.D.A. n.12 Catanzaro (sede di proprietà)

    –         Centro Ce.D.A. n.12° Cropani (CZ) (sede di proprietà staccata di CZ)

    –         Centro Ce.D.A. n.13 Lamezia Terme (CZ) (sede di proprietà)

    –         Sportello Ce.D.A. n.14 Vibo Valentia (allocare con comodato gratuito)

    –         Sportello Ce.D.A. n.15 Serra S.Bruno (VV) (da allocare con comodato gratuito)

    –         Sportello Ce.D.A. n.16 Squillace (CZ) (da allocare con comodato gratuito)

    –         Sportello Ce.D.A. n.23 Decollatura (CZ) (da allocare con comodato gratuito)

     

    AREA 5 Locri (RC)

    –         Centro Ce.D.A. n.21 Locri (RC) (sede di proprietà)

    –         Sportello Ce.D.A. n.22 Melito Porto Salvo (RC) (allocare con comodato gratuito)

    –         Sportello Ce.D.A. n.18 Caulonia (RC) (allocare con comodato gratuito)

     

    AREA 6 Reggio Calabria

    –         Centro Ce.D.A. n.20 Reggio Cal. (sede di proprietà)

    –         Centro Ce.D.A. n.17 Gioia Tauro (RC) (sede di proprietà)

    –         Sportello Ce.D.A. n.19 Palmi (RC) (allocare con comodato gratuito)

     

    b)             Centri Sperimentali Dimostrativi (CSD) . L’attività dell’ARSAC sul territorio regionale  è indirizzata alla sperimentazione parcellare ed in pieno campo presso i propri Centri Sperimentali Dimostrativi (CSD), distribuiti  sul territorio , individuati in numero di 12.

          L’attenzione sulle produzioni dei CSD riguarda quelle colture che possono avere un notevole sbocco commerciale ed una diffusione sul territorio che rispecchi quelle che sono le richieste del mondo agricolo ed agroindustriale; recupero e conservazione del germoplasma e di ecotipo di particolare interesse scientifico, presenti nella tradizionale cultura contadina; costituzione di una banca del germoplasma.

    La produzione e la sperimentazione che viene praticata nei CSD non deve rimanere fine a se stessa ma dovrà essere portata a conoscenza dei diretti fruitori attraverso una rete di trasmissione dei messaggi, curata dalla divulgazione agricola. Quest’ultima si fa interprete delle esigenze del mondo agricolo per trasmetterle alla sperimentazione per orientare la stessa secondo le attese degli imprenditori.

    I terreni dei CSD  non interessati da progetti ed attività di sperimentazione saranno  utilizzati per attività agricole produttive mediante la istituzione di regolari aziende agricole  così come riportato e regolamentato al successivo punto c).

    Centri Sperimentali e Dimostrativi (CSD) n° 12 – Individuazione Sedi:

     

    AREA 1 S.Marco Argentano (CS)

    –         C.S.D. Caselle  comune di S.Marco Argentano (CS)

    –         C.S.D. Montebeltrano comune di Paterno (CS)

     

    AREA 2 Acri (CS)

    –         C.S.D. Acri  comune di Acri (CS)

    –         C.S.D. Mirto  comune di  Crosia (CS)

    –         C.S.D. Sibari comune di Cassano Allo Ionio (CS)

    –         C.S.D. Molarotta comune di Spezzano Sila (CS)

     

    AREA 3 Val di Neto (KR)

    –       C.S.D. Val di Neto comune di Rocca di Neto (KR)

    –       Centro Eccellenza Villa Margherita comune di Cutro (KR)

     

    AREA 4 Catanzaro

    –         C.S.D. Cropani Marina comune di Cropani (CZ)

    –         C.S.D. Lamezia comune di Lamezia Terme (CS)

     

    AREA 5 Locri (RC)

    –     C.S.D. Locri comune di Locri (RC)

     

    AREA 6 Reggio Calabria

    –     C.S.D. Reggio Cal. Centro Apistico comune di ReggioCal.

    –     C.S.D. Gioia Tauro  comune di Gioia Tauro (RC)

     

     

    c)              Aziende agricole  :  da costituire utilizzando le aree , presso i CSD, non interessate da progetti ed  attività di sperimentazione. Le stesse serviranno a produrre reddito aziendale per l’ARSAC. Dal punto di vista operativo le costituente Aziende Agricole utilizzeranno personale  esecutivo presente nei CSD; qualora la gestione in forma diretta, necessita di ulteriore personale qualificato/specializzato può ricorrere  all’istituto della mobilità interna degli operai mediante turnazione dei lavoratori ed in collaborazione con gli altri CSD e le costituite Aziende Agricole.   In specifici casi e dopo attenta valutazione  economica si può ricorrere alla gestione dei terreni  delle  aziende agricole, mediante affidamento a soggetti privati e sulla base delle norme vigenti. Le eventuali concessioni o fitti  saranno regolamentati con atti interni e nel rispetto delle norme vigenti in materia di contrattazione agricola. Per le colture da mettere in produzione nelle  Aziende si terranno in debita considerazione i bisogni commerciali, le richieste di mercato dei consumatori, le necessità dell’industria di trasformazione e conservazione agro-alimentare, laeder e presenti sul territorio calabrese. L’intuizione di costituire le Aziende Agricole nasce dal bisogno di evitare le distorsioni nella normale attività quotidiana e di sperimentazione dei CSD, rendendo produttive ampie estensione di terreno che, altrimenti, per sovrapposizioni di competenza, andrebbero a penalizzare l’attività degli stessi centri.

    Nell’ambito dei CSD e delle Aziende Agricole, in cui ricadono strutture fondiarie e ricettive, le stesse strutture andranno ad essere valorizzate adeguatamente ad uso foresteria, per scambi culturali, per centri di aggregazione agricola, salette convegni per incontri anche istituzionali ecc. e mediante affidamento a privati imprenditori, qualora se ne ravvisano le condizioni.

    Presso le Aziende possono essere avviate produzioni provenienti da soggetti privati accreditati operanti nel settore di trasformazione dei prodotti agricoli tradizionali ed innovativi.

    Le Aziende Agricole ed i CSD di eccellenza saranno dotati di centri di accoglienza ai fini didattici e culturali per visite guidate in favore di scolaresche di ogni ordine e grado nonché per l’ospitalità di delegazioni di produttori  ed operatori agricoli, anche provenienti da altre regioni. Gli ambi spazi ed i locali non utilizzati ai fini aziendali, comprese anche le foresterie preesistenti, per evitarne l’abbandono ed il decadimento, le stesse possono essere concesse in gestione privata per una proficua conservazione, ma anche per ricavarne del reddito.

    Le Aziende Agricole per come individuate hanno la seguente collocazione sul territorio regionale:

    d)    AREA 1 S.Marco Argentano (CS)

    –     Azienda Agricola Caselle Comune di S.Marco Argentano (CS)

    –     Azienda agricola Montebeltrano comune di paterno calabro (CS)

     

    –       AREA 2 Acri (CS)

    –     Azienda Agricola Acri comune di Acri (CS)

    –     Azienda Agricola Mirto comune di Crosia (CS)

    –     Azienda Agricola Sibari comune di Cassano allo Ionio (CS)

    –     Azienda Agricola Molarotta comune di Spezzano Sila (CS)

     

    AREA 3 Val di Neto (KR)

    –     Azienda Agricola Val di Neto comune di Rocca di Neto (KR)

    –     Azienda Agricola Villa Margherita comune di Cutro (KR)

     

    AREA 4 Catanzaro

    –       Azienda Agricola Lamezia Terme .

     

    e)     Laboratori

    L’Azienda ha una consolidata esperienza per le analisi dei terreni e controlli merceologici derivante dalla esperienza della soppressa ARSSA. In particolare i laboratori così istituiti riguardano le seguenti funzioni: il controllo ed il monitoraggio dei prodotti agro-alimentare; l’analisi dei terreni agrari e dei suoli al fine di proporre i piani di concimazione per le colture praticate; per prevenire gli inquinamenti ambientali (nitrati, salinizzazione ecc.); osservazione e controllo delle fitopatologie; estrazioni degli oli essenziali dagli agrumi ed erbe medicinali.

    I  laboratori hanno la seguente dislocazione sul territorio:

     

    AREA 1 San Marco Argentano (CS)

    –       Laboratorio  Caselle  già esistente presso struttura del CSD

    –       Laboratorio  Montebeltrano  da istituire presso struttura CSD (*)

     

    AREA 2 Acri (CS)

    –       Laboratorio Acri da istituire presso struttura CSD Acri (CS)

    –       Laboratorio Sibari già esistente presso struttura del CSD

    –       Laboratorio Molarotta già esistente presso struttura del CSD

     

    AREA 3 Val di Neto (KR)

    –       Laboratorio Val di Neto da istituire presso struttura CSD Val di Neto

     

    AREA 4 CATANZARO (CZ)

    –       Laboratorio Speciale di Erboristeria già esistente presso CSD Lamezia

     

    AREA 5 LOCRI (RC)

    –       Laboratorio Locri da istituire presso struttura del CSD

     

    AREA 6 REGGIO CALABRIA (RC)

    –       Laboratorio Apistico.